Mondiali: Antonelli marcia su Londra

12 Agosto 2017

Nella 50 chilometri dei Campionati Mondiali, domenica 13 agosto, in gara il 23enne maceratese


 

Domenica 13 agosto, ai Campionati Mondiali di Londra, arriva il momento di Michele Antonelli. Il 23enne maceratese prenderà il via nella 50 chilometri di marcia, che scatterà alle 7.45 ora locale (8.45 in Italia) con diretta tv su RaiSport. Per il giovane marchigiano sarà l’esordio in una grande rassegna globale, ma in questa stagione l’atleta allenato da Diego Cacchiarelli è stato protagonista nella Coppa Europa. A Podebrady, in Repubblica Ceca, ha conquistato il terzo posto migliorando il record personale di ben quattro minuti con il tempo di 3h49’07” alla sua prima gara in maglia azzurra su questa distanza dopo averla indossata fino a quel momento nella 20 chilometri, piazzandosi in nona posizione agli Europei under 23 del 2015. Nato a Macerata il 23 maggio 1994, è anche il campione italiano assoluto in carica della 50 chilometri grazie al titolo vinto nel 2016 a Catania e quest’anno ha fatto il suo ingresso nel centro sportivo dell’Aeronautica, proveniente dall’Atletica Recanati.

“Parto per fare esperienza - spiega Antonelli - e sicuramente in avvio cercherò di stare nelle retrovie, pensando soprattutto alla tecnica di marcia e a risparmiare energie. Poi dal ventesimo chilometro proverò a risalire, come ho fatto in Coppa Europa. Mi sono allenato bene, ho trascorso quasi tutto il mese di luglio in raduno a Roccaraso. Per la prima volta saranno presenti i miei familiari in una gara all’estero, un motivo in più per cercare di far bene. C’è un po’ di emozione ovviamente, ma è proprio questa la parte bella dello sport. Non vedo l’ora”. Tra gli iscritti alla gara, il marchigiano ha il quattordicesimo crono stagionale.

Era già una promessa, quando è rimasto vittima di un brutto incidente. “Nel 2012 guardavo le Olimpiadi di Londra in tv, dopo tre giorni di coma in rianimazione e un mese di ospedale. Lavoravo ancora come giardiniere e sono stato colpito da una pala meccanica che mi ha provocato un’emorragia interna al fegato. Ci è voluta un sacco di forza per ricominciare, ma ora sono qui con tanta voglia di marciare e arrivare sempre più lontano”.

File allegati:
- Iscritti e risultati
- Le pagine FIDAL sui Mondiali di Londra


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate